BRUNCH

UN PASTO CHE è UNA COMBINAZIONE TRA LA COLAZIONE E IL PRANZO

Alcuni lo definiscono una colazione tardiva o un pasto anticipato. Dall’inglese BReakfast + lUNCH (pranzo). La sua prima apparizione fu alla fine del 1800 in Inghilterra e sembra che fosse nato tra la classe alta britannica. La domenica, molte di queste famiglie davano ai servitori un giorno libero, che al mattino preparavano un buffet che includeva la colazione e piatti a cui le famiglie potevano accingere durante tutto il giorno.

Nella sezione “Alla moda e di stagione” dell’edizione del 1896 della rivista satirica inglese Punch, si commenta il brunch:
“Oggi per essere alla moda dobbiamo andare al brunch “. Un’eccellente parola composta, introdotta, a proposito, l’anno scorso, dal signor Guy Beringer sulla rivista Hunter’s Weekly, che indica una combinazione di colazione e pranzo. A Oxford, tuttavia, due anni fa è stata introdotta una distinzione importante: se la combinazione di pasti viene consumata in un momento più vicino alla colazione, si chiamerebbe “brunch“, mentre se viene presa in un momento più vicino al pranzo Sarebbe “blunch“. Per favore, non dimenticarlo.”

Un brunch può consistere di tutti gli elementi tipici di una colazione all’inglese o all’americana, come bacon, uova, prosciutto e frittelle, più frutta e pasticceria varia; è altresì possibile proporre arrosti di carne bovina o bianca, gamberetti e pesce affumicato come salmone e aringhe, oltreché insalate di verdura.